praga
 
A Praga in aereo
A Praga in treno
Gite in battello
Traghetti
Taxi
Voli
Ambasciata
Clima
 
 
 
 
La guida di Praga
Storia e cultura > I personaggi della Rivoluzione di Velluto
 
Jiri Ruml
 
 
I personaggi della rivoluzione di velluto
Tomas Masaryk
Jan Palach
Vaclav Havel
Alexander Dubcek
Zdenek Mlynar
Valtr Komarek
Michael Kocab
Jiri Ruml
Vaclav Maly
Petr Miller
Marta Kubisova
Frantisek Tomasek
 
Jiri Ruml  

Jiri Ruml

Jiri Ruml è stato uno degli personaggi più amati nel gruppo degli intellettuali dissidenti che si è battuto, dal 1968 fino alla fine degli anni '80, per far sopravvivere lo spirito della Primavera di Praga.
Tra i primi firmatari di Charta 77, ha pagato con la prigione la sua missione di divulgatore di informazioni che le autorità di regime volevano tenere nascoste al pubblico.
Come direttore di Lidove Noviny, Ruml ha contribuito a ripristinare la credibilità e l'indipendenza del giornalismo in Cecoslovacchia. La sua direzione, a cavallo della Rivoluzione di Velluto del novembre 1989, ha permesso un dibattito aperto sulla transizione in corso nella società cecoslovacca, garantendo i punti di vista più diversi tra loro.
Negli anni '60 Jiri Ruml ha aderito alle riforme del sistema comunista, abbracciando la via del "socialismo dal volto umano" inventata da Alexander Dubcek durante la Primavera di Praga.
Dopo che le riforme di Dubcek furono schiacciate dai carri armati sovietici del mese di agosto 1968, Ruml, come molti altri giornalisti, fu espulso dal Partito Comunista e privato del suo lavoro. Per un certo periodo per vivere dovette lavorare come gruista in una impresa di costruzioni stradali. La punizione del regime fu estesa ai suoi due figli adolescenti, Jan e Jakob, che furono esclusi dalla Università.
Senza lasciarsi intinidire, Ruml firmò "Charta 77", una petizione che chiedeva al governo di rispettare i diritti umani come prevedevano gli accordi di Helsinki, siglati dal governo ceco poco tempo prima, nel 1975. Nel 1981 fu arrestato insieme a Jan, il figlio maggiore, con l'accusa di attività sovversive e per più di un anno incarcerato senza processo.
Quando il leader sovietico Mikhail Gorbachev intraprese una politica di maggiore apertura, inizialmente fortemente contrastata da Gustav Husak, leader della linea dura, verso la fine del 1987, Jiri Ruml rilanciò Lidove Noviny, il quotidiano indipendente che era stata chiuso dopo la rivoluzione comunista. Senza avere ricevuto il permesso per pubblicare, Ruml editò il giornale clandestinamente, fotocopiandolo in luoghi diversi e riuscendo a raggiungere circa 50.000 lettori al giorno. Nel tentativo di soffocare la nuova pubblicazione, Ruml fu nuovamente arrestato nell'ottobre del 1989 con l'accusa di incitamento contro il regime. Ma, solo un mese più tardi, fu liberato
dopo grandi proteste e manifestazioni di popolo nelle piazze di Praga, poco prima che la Rivoluzione di Velluto spazzasse via il regime comunista.
Nel 1990 Jiri Ruml fu eletto in Parlamento e divenne una figura centrale nel processo di esclusione da posizioni di responsabilità degli ex funzionari comunisti e di coloro che avevano lavorato per la polizia segreta. Appena entrato in Parlamento, avvertì sinistramente: "In questa camera sono seduti i collaboratori e gli agenti della Sicurezza di Stato".
Ruml vanta altre attività di alto profilo, come parlamentare, inclusa la campagna per spazzare via le vestigia di una legislazione repressiva di epoca comunista. Quando nel 1991 il pittore David Cerny (dopo aver dipinto di rosa un carro armato T-34, monumento di guerra dei sovietici a Praga) fu incriminato per "avere provocato turbamento nell'ordine pubblico", guidò un gruppo di 15 parlamentari armati di pennelli e ridipinse di rosa, ancora una volta, il carro armato già restituito alla suo colore originale verde.
Ruml ha lasciato il Parlamento dopo due anni per tornare al giornalismo ed ha firmato articoli su Lidovè Noviny quasi fino alla morte, avvenuta a Praga nel 2004

 
 
 
Prenota Praga Hotel Last-Minute Offerte

La rivoluzione di velluto
I personaggi della rivoluzione di velluto
I grandi scrittori di Praga
I luoghi, i teatri, i giornali della Perestrojka

Un po' di storia

Jan Hus
Re Vencenslao


Il Castello
Il quartiere del Castello
Mala Strana e la collina di Petrin
Il Ponte Carlo
 
 
 
 
 
     
 
 
http://www.lericieportovenere.com
http://www.lunigiana.net
http://www.e-toscana.com
© Copyright 1990-2009 «Maurizio Bardi »
vietata la riproduzione dei testi e delle foto pubblicati sul sito
di «e-praga.com» senza l'espressa autorizzazione scritta
Per informazioni
Tel. +39 320 0286339
E-Mail info@e-praga.com